Torna al portale

mappa del sito aiuto

 
 
> chi siamo
 

© COPYRIGHT
PROVINCIA AUTONOMA   DI TRENTO

 E' vietata la riproduzione totale o parziale senza il consenso scritto dell'editore.

Reproduction in whole or in part without express written permission is prohibited.

Trentino Emigrazione

N. 18 - Novembre 2000
cognomi
Origine e significato dei pi diffusi cognomi trentini
E tu, come ti chiami?
Quali sono i cognomi pi diffusi nel Trentino? Da dove traggono origine e qual' il loro significato?



english
Which are the most widespread surnames in Trentino? Where do their origins come from and what are their meanings?
deutsch
Welche Nachnamen sind am verbreitetsten im Trentino? Woher stammen sie und was bedeuten sie?
franais
Quels sont les noms de familles les plus courants dans le Trentin? D’o drivent-ils et quel en est le sens?
espaol
Cules son los apellidos mas frecuentes en Trentino? Dnde tienen su origen y cul es su significado?
portugus
Quais so os sobrenomes mais difundidos no Trentino? Quais so as origens e qual o seu significado?
vuoto
BOSO
(Bso) – Sull’origine e il significato di questo cognome esistono diverse possibilit di interpretazione. Lo studioso Emidio De Felice reputa che esso abbia alla base il nome di persona Boso o Buoso, di origine germanica, gi documentato nel primo medioevo e derivato dal soprannome spregiativo bse, con il significato di “cattivo, malvagio, ostile”. per pi probabile che il nome di persona Boso sia da considerare una forma alterata di Ambrogio, dal greco Ambrosis, che significa “immortale”.
Il cognome diffuso in tutta l’Italia settentrionale, specialmente nel Veneto. In Trentino comune in Valsugana.
Varianti: BOSA, BOSEGGIA, BOSELLI, BOSETTI, BOSI, BOSIN, BOSINELLI, BOSIO, BOSISIO.
vuoto
BROZ
(Brz) – Broz la forma dialettale di “barroccio”, un carro, generalmente a due ruote, adibito al trasporto di legnami, concimi e materiali vari. Come soprannome, indica una persona forte, massiccia, tutta d’un pezzo.
Lo Schneller lo fa derivare dal nome personale Brozo o Brozzo, derivante dal latino Brutius, derivato a sua volta da un termine osco. Anche in questo caso il significato originario sarebbe “pesante, massiccio, inerte”.
Il cognome diffuso in Vallarsa (dove c’ la frazione Brozzi, luogo d’origine trentina del cognome), la zona di Arco e Riva del Garda, le Valli Giudicarie.

CASAGRANDA
(Casagrnda) – chiara la derivazione del cognome dall’appellativo dato a una persona la cui casa si faceva notare per l’insolita grandezza.
Il cognome molto comune nella zona di Pergine, Civezzano e Pin.
Varianti: CASAGRANDE.
vuoto
CELVA
(Clva) – Il monte Celva (la cui denominazione sta alla base del cognome) si trova nei dintorni di Trento, al confine con il territorio di Civezzano e di Pergine. Assieme al Chegul e alla Marzola, fa da spartiacque tra la Valle dell’Adige e l’ultimo tratto dell’alta Valsugana.
Il cognome riscontrabile a Trento e dintorni.

FRIZZERA
(Frizzra) – Deriva dal nome Frigerio, corrispondente a Federico, italianizzazione del tedesco Friedrich, a sua volta discendente dall’antico germanico Frithurik, composto da frithu (“pace”, “amicizia”: Friede, in tedesco) e rikia (“signore”, “principe”, “potente”): il significato originario sarebbe dunque “signore della pace”, “colui che assicura la pace”.
Il cognome diffuso in tutta la Valle dell’Adige.
Varianti: FRIGERI, FRIGERIO, FRIGGERA.
vuoto
GARBARI
(Garbri) – Il cognome deriva dal termine tedesco Gerber, “conciatore, conciapelli”. A Trento esisteva, anticamente, un fossato delle Garbare, dove si conciavano le pelli.
Il cognome ritenuto originario della zona di Cavedine e Vezzano.

LUTTERI
(Luttri) – Il cognome ha alla base il nome di persona Eleuterio, dal greco Eleutheros, col significato di “libero, indipendente”.
Il cognome diffuso nella zona di Arco e Riva del Garda.
Varianti: LITERINI, LITTERINI, LUTERINI, LUTEROTTI, LUTTEROTTI, LUTTI.
vuoto
MAGNANI
(Magnni) – Il cognome deriva dal termine “magnano” (magnan, in dialetto) che prende origine a sua volta dal termine del latino parlato manianum, (da manus, “mano”) e sta ad indicare il fabbro di chiavi, il calderaio, lo stagnino ambulante.
Il cognome originario delle Valli Giudicarie e della Valle di Non.
Varianti: MAGNANINI, MAGNANO.

NEGRO
(Ngro) – Il cognome deriva dal soprannome dato a una persona per il colore scuro della carnagione o dei capelli.
Presente, nelle varie forme, in tutta l’Italia, il cognome diffuso in numerose varianti in tutto il Trentino.
Varianti: DEL NEGRO, DELNEGRO, NEGRELLI, NEGRELLO, NEGRETTI, NEGRI, NEGRINI, NEGRINOTTI, NEGRIOLI (negriol: brunetto), NEGRIOLLI, NERI.
Dal termine in dialetto noneso (e lombardo) negher prende forma il cognome NEGHERBON, col significato letterale di “negro buono”, diffuso nella Valle di Non e nella Valle dell’Adige.
vuoto
PEZZANI
(Pezzni) – Il pez, nel dialetto trentino, l’abete rosso o peccio (Picea excelsa) – “abezzo”, nell’italiano arcaico. Il cognome indicava quindi una persona proveniente da una zona ricca d’abeti o, in qualche modo, messa in relazione con quest’albero.
Il cognome diffuso, nelle sue varianti, in tutto il Trentino.
Varianti: DAL PEZ, DALPEZ, PEZZ (tipico della Val di Fiemme e della Val di Fassa), PEZZANO, PEZZATO, PEZZATTI (in Vallarsa esiste la frazione Pezzati), PEZZI, PEZZIN, PEZZINI, PEZZO, PEZZOLI, PEZZONI, PEZZOTTA, PEZZOTTI, PEZZOTTO.

TARTAROTTI
(Tartartti) – Secondo il Lorenzi, il cognome deriva da tarter, nome dialettale del balestruccio (Martula urbica), uccello dei Passeriformi simile alla rondine, ma pi piccolo.
Altri studiosi ritengono che alla sua base vi sia il termine etnico tartaro, che nel medioevo indicava non soltanto le popolazioni asiatiche (Tatari) che invasero l’Europa orientale, ma anche, genericamente, i popoli non europei e non cristiani dell’Europa orientale e del Mediterraneo, compresi i Turchi e gli Arabi. In questo senso, tartaro aveva il significato di “barbaro, straniero”.
Diffusione: Valle dell’Adige, Valsugana.
Varianti: TARTER.
vuoto


Numero 18 - Novembre 2000 - E tu, come ti chiami?